Caccia e Caccia
Benvenuto, CACCIATORE!!!!

IL 410 A CACCIA

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: IL 410 A CACCIA

Messaggio  beccacciaio il Lun Gen 09, 2012 9:39 pm

con parecchio ritardo, ma non posso esimermi, anche perchè chiamato in causa per la mia assenza......
il 410 non lo conosco personalmente o comunque a sufficienza per esprimere su di esso giudizi fondati; posso forse solo dire che lo trovo eccessivamente piccolo e quando si tratta di calibri "troppo piccoli" più che di sportività o padelle parlerei più concretamente di possibilità di ferimenti e quindi di inutili abbattimenti di selvaggina (ma, ripeto, è solo un'impressione non suffragata dalla personale esperienza....).
Recentemente ho invece utilizzato il calibro 28 e devo dire che, senza ovviamente eccedere in pretese, si è dimostrato, su selvaggina di piccole dimensioni (quaglie, tordi, merli, ecc.), un calibro più che onesto, direi quasi anche molto efficace alle giuste distanze (25-30 metri).
Sempre su questo calibro, la cui dose media è di circa 17-18 grammi di piombo, aggiungerei un ulteriore annotazione, congiunta però ad un po di disappunto, proprio in relazione alle eccessive, direi esorbitanti, grammature che si sono sempre più diffuse in questi ultimissimi anni: 26, 28 ed addirittura 30, 32 grammi di piombo in una cartuccia standard, sparata quindi con fucili standard, spesso anche un po datati.......
Mi domando, a tal proposito: quale sia lo scopo di sparare queste cariche magnum e super magnum con il calibro 28, quando, senza sforzare particolarmente il fucile, queste stesse grammature possono essere sparate con calibri più efficaci quali il 20 o addirittura il 12 ? Io direi che si tratta di una moda inutile ed anche costosa, visto che tali cariche maggiorate lo sono purtroppo anche nel loro prezzo di acquisto (notevolemente superiore, a parità di grammi, nei due citati calibri superiori...).
Per il calibro 28, per le ragioni testè indicate, non andrei quindi mai oltre i 22, max 24 grammi di piombo, che dovrebbe pertanto costituire il limite, comunque sempre abbastanza efficace, anche per selvaggina di buona mole (fagiano, colombaccio, piccoli e medi anatidi, beccaccia, tortora, ecc.); a patto ovviamente che non si chieda alla cartuccia l'impossibile...... e che si impieghi piombo di adeguato diametro.
In buona sostanza utilizzerei tre diverse cariche, secondo le situazioni ed anche la mole del selvatico: 18 - 21 e 24 grammi..... ovvero 20, 22 e 24 grammi, secondo i personali gusti.........
Cosa ne pensate ?
avatar
beccacciaio
Cacciatore
Cacciatore

Messaggi : 426
Munizioni : 6204
Data d'iscrizione : 27.03.10
Età : 53
Località : Livorno

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL 410 A CACCIA

Messaggio  Nello Gentile il Mer Gen 11, 2012 5:44 pm

Hai ragione Alberto ogni calibro ha la sua carica naturale e l'esasperare con le cariche maggiorate(solo per tiri di eccezione)......produce solamente aumenti notevoli di pressione per mantenere identica velocita' iniziale.Ogni calibro ha il suo selvatico cosi' come pure la cartuccia......ed infine le caratteristiche di canna.Sommando questi tre fattori otteniamo con le variabili.......proprio l'arma che cerchiamo.Ciao da Nello.

_________________
"U cunigghiu runna nasci mori"
avatar
Nello Gentile
BARONE (=baro grosso)
BARONE (=baro grosso)

Messaggi : 3366
Munizioni : 10501
Data d'iscrizione : 22.03.10
Età : 50
Località : Altavilla Milicia

Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum